Angelo Colla Editore

Libri vicentini

torna all'elenco

Copertina del libro: Guida per Vicenza

Autore: Angelo Colla
Guida per Vicenza

formato 12x21 cm, 224 pagine, 164 illustrazioni a colori, brossura

Collana: Libri vicentini

Isbn: 978-88-89527-91-7
Prezzo: 15,00 Euro

ordina

Leggi le recensioni

Nuovissima nei testi e nelle immagini, questa guida storico-artistica alla città di Vicenza si compone di 3 itinerari, ciascuno di due ore, per ammirare gli edifici più singolari e illustri, le pitture e le sculture del centro storico, e di 7 passeggiate per scoprire i capolavori fuori le mura: dalla Rotonda di Palladio agli affreschi dei Tiepolo, di villa Valmarana ai Nani e villa Zileri Dal Verme, dalla basilica dei Santi Felice e Fortunato al santuario di Monte Berico.
Vicenza è città Unesco, con ben 26 splendidi edifici palladiani inseriti nella lista dei monumenti patrimonio dell’Umanità, ma è anche una città ricca di eleganti dimore prerinascimentali e di fantasiosi palazzi del gotico fiorito che fanno invidia alla stessa Venezia.
Eppure mancava ancora una guida di Vicenza all’altezza della sua fama, elegante, ricca, pratica, capace far gustare al visitatore appassionato d’arte le bellezze del centro storico e degli immediati d’intorni popolati di chiese altomedievali e di ville suburbane.
La lacuna è colmata ora dall’agile volumetto di Angelo Colla, nuovo nei testi e nelle immagini, esauriente nei contenuti, e di piacevolissima lettura, che si inserisce nella tradizione delle guide classiche di Vicenza: da quelle del secolo scorso di Barbieri-Cevese-Magagnato e di Neri Pozza fino alla monumentale monografia Vicenza. Ritratto di una città, di Barbieri-Cevese del 2004.
La guida di Angelo Colla, che ha conciliato l’erudizione dei tre maggiori storici dell’arte vicentini con la sensibilità artistica di Neri Pozza, si compone di 3 itinerari per il centro storico che permettono al turista, spesso soltanto di passaggio, di visitare nell’arco di una giornata i palazzi, le chiese e le piazze più importanti di Vicenza, e di tornare a casa con la sensazione di aver conosciuto davvero, e non solo ‘guardato’, la città berica.
Gli itinerari, ciascuno di 2 ore circa, guidano alla scoperta di un tessuto urbano unico al mondo, che viene svelato al visitatore un passo dopo l’altro, privilegiando il ritmo lento e ‘interno’ delle emozioni.
Per il turista che vorrà poi dedicare una seconda giornata o una seconda visita a Vicenza, Angelo Colla ha tracciato 7 passeggiate ‘fuori porta’ che costituiscono altrettante occasioni di approfondimento dei capolavori che abitano le colline e la campagna nelle immediate vicinanze della città: La Rotonda del Palladio, Villa Trissino a Cricoli, Villa Valmarana ‘ai Nani’ e Villa Loschi Zileri dal Verme al Biron con gli affreschi dei Tiepolo, la basilica di Monte Berico, ecc.
Ma le 7 passeggiate sono state pensate anche per i vicentini desiderosi di scoprire itinerari o vedute della loro città a cui avevano prestato poca o nessuna attenzione. Si pensi solo a che cosa si può osservare con un solo colpo d’occhio rimanendo fermi su Ponte Furo, la meta della prima delle sette passeggiate: davanti, la Basilica con la Torre Bissara, uno degli scorci più tipici e romantici di Vicenza; dietro, la vista del santuario di Monte Berico; a sinistra, palazzo Civena-Trissino di Palladio; a destra, la Loggetta settecentesca di Bertotti Scamozzi, le mura altomedievali con l’imponente Porton del Luzzo, il profilo della cavea del teatro romano segnato dai palazzi costruiti su quelle che erano un tempo le sue gradinate.  
Tutti gli edifici e i monumenti descritti sono anche illustrati da foto a colori: 164. Il corredo illustrativo è inoltre arricchito delle immagini dei capolavori di pittura classica conservati nel Museo civico di Palazzo Chiericati e dei più bei dipinti visibili  nelle chiese vicentine.
In appendice, indice dei luoghi, indice dei personaggi storici e degli artisti, carte topografiche per orientarsi dentro e fuori la città, con indicazioni dei parcheggi, orari di visite a musei e collezioni pubbliche e private.